√ LIRICAMENTE.IT >>IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI MUSICA LIRICA E OPERA LIRICA Convenzione soci liricamente Corsi di Alta Formazione Accademia Maggio Musicale Fiorentino
Dati dimenticati?

IL SITO PER GLI APPASSIONATI DI OPERA LIRICA

Chiudi Finestra
Home  Mappa  Contatti  RSS 

Intervista al mezzosoprano Annalisa Stroppa

Redazione Liricamente, 15/06/2015

In breve:
Oggi Liricamente intervista il mezzosoprano Annalisa Stroppa. Fin da piccola ha coltivato la passione per il canto e l'opera lirica. Oggi quella passione è diventata anche la sua professione, poichè Annalisa sta facendo una carriera importante, ad alti livelli nei principali teatri europei. Ha già cantato a fianco di grandi nomi della lirica, uno fra tutti Placido Domingo. Intraprendente, solare e umile, ci ha raccontato con molta semplicità le gioie e le difficoltà di una giovane professionista del canto lirico.


Oggi Liricamente intervista il mezzosoprano Annalisa Stroppa. Fin da piccola ha coltivato la passione per il canto e l'opera lirica. Oggi quella passione è diventata anche la sua professione, poichè Annalisa sta facendo una carriera importante, ad alti livelli nei principali teatri europei. Ha già cantato a fianco di grandi nomi della lirica, uno fra tutti Placido Domingo. Intraprendente, solare e umile, ci ha raccontato con molta semplicità le gioie e le difficoltà di una giovane professionista del canto lirico.

1) Annalisa raccontaci qual è stato il tuo percorso di studi e com'è nato il tuo percorso di studi.
Ho iniziato a 12 anni. Sono stata ammessa al conservatorio di Brescia, la mia città, nella classe di pianoforte. Io però non volevo essere pianista, volevo fare la cantante. Il pianoforte mi sarebbe servito come studio musicale, in attesa dello sviluppo completo della voce.
Nel frattempo mi sono diplomata al liceo socio-piscopedagico e a 19 anni sono stata ammessa al corso di canto. Ho continuato anche gli studi universitari laureandomi alla facoltà di Scienze dell'Educazione all'Università degli Studi di Bergamo.
Mi sono diplomata con il massimo dei voti, lode e menzione d'onore in canto al conservatorio "Marenzio" di Brescia.
Successivamente ho partecipato a diversi concorsi di canto lirico e ho frequentato varie a masterclass di specializzazione.

Ho iniziato poi con le prime audizioni in vari teatri e passo dopo passo... ecomi qui!

2) Io so che i tuoi nonni ti hanno avviato alla lirica...
Si, si è vero! Poichè i miei genitori lavoravano tutto il giorno fuori casa, io trascorrevo i miei pomeriggi dopo la scuola a casa dei nonni e mi sono avvicinata alla lirica proprio grazie a loro.
Avevano molte musicassette (non c'erano .mp3 o cd....) di Pavarotti, Domingo, Carreras e Del Monaco... tutti tenori!
Proprio grazie a questi ascolti ho imparato molte arie d'opera e mi cimentavo a imitare questi tenori... così ho scoperto di avere una voce speciale.
Ricordo che quando avevo otto o nove anni, alle festicciole in famiglia cantavo "Nessun dorma", "O sole mio"... senza alcuna vergogna :-)!

Ti immagini se ci fosse stata la trasmissione della Clerici, che successo che avresti avuto?
Allora c'era Bravo bravissimo di Mike Buongiorno! Comunque nella mia famiglia non ci sono musicisti e questa passione è nata proprio attraverso l'ascolto delle cassette dei miei nonni.

Poi ci siamo informati e ci hanno consigliato di aspettare a studiare canto, ma nel frattempo di studiare musica, quindi ho iniziato il percorso di pianoforte.

3) Quando hai iniziato a cantare?
Ho mosso i primi passi nel mondo del canto lirico già durante gli ultimi anni del Conservatorio attraverso i concorsi nazionali prima del diploma e internazionali subito dopo. Partecipavo ai concorsi per misurare le mie potenzialità e vedere se veramente quella del canto poteva essere la mia strada e avrei potuto intraprendere questa carriera, perché sappiamo, che soprattutto al giorno d'oggi, è parecchio difficile. Inoltre in occasione dei concorsi ho avuto la possibilità di farmi ascoltare da grandi cantanti e da direttori artistici che spesso costituivano le giurie. Vedendo che i primi concorsi andavano bene e ottenevo sempre dei buoni risultati, ottenevo quelle conferme che cercavo e che mi davano l'imput per crederci davvero e proseguire in questa strada. Ho iniziato a cantare recital da camera, poi piccoli ruoli d'opera e via via...ruoli sempre più importanti in contesti sempre più grandi. I primi ruoli da protagonista sono stati Carmen in Tragedy de Carmen a Perugia per il teatro sperimentale di Spoleto e successivamente Carmen al Teatro di Trento, poi ho interpretato il ruolo di Cherubino ne I due Figaro a Salisburgo e questo si può dire sia stato il vero e proprio debutto importante con il maestro Muti sul podio, opera che è stata ripresa anche anche a Ravenna, Madrid, Buenos Aires. Da quel momento sono nate altre grandi opportunità di debuttare tanti altri ruoli, Rosina all'Opera di Roma, Cherubino a Cagliari, Piacenza , Modena, Losanna, Barbiere a Berlino, Losanna, Barcellona,Tel Aviv; Dorabella a Sassari, Dorina ne Il marito disperato alTeatro San Carlo di Napoli, Carmen a Limoges, Fenena a Palermo e al Maggio Musicale, Il debutto negli States con la Dallas Symphony orchestra ne Les Nuits d'eté di Berlioz e da li a seguire la Norma al Teatro Massimo di Palermo e a Barcellona etc..etc…Sono stata molto fortunata, ho avuto tante bellissime occasioni!

4) Come sta andando la tua carriera attualmente?
Riguardo alla carriera attualmente sono molto soddisfatta perché sto facendo un bel percorso e cantando ruoli attinenti alla mia vocalità. Ho appena terminato la produzione di Cavalleria Rusticana al Festival di Salisburgo nel ruolo di Lola e Verona al Teatro Filarmonico per interpretare Rosina ne “Il Barbiere di Siviglia”. Sono molto soddisfatta e spero di poter proseguire così.

5) Quando ti sei sentita "pronta" di iniziare a cantare?
Già durante gli ultimi anni del conservatorio sentivo dentro di me una gran voglia di esibirmi, una brama di salire sul palco e potermi esprimere. Era l'entusiasmo misto all'incoscienza che mi davano la spinta e mi facevano sentire “pronta”, forse è stato meglio così perché se avessi aspettato il momento in cui mi fossi sentita perfetta forse non sarebbe mai arrivato, perché in realtà non ci si sente mai completamente pronti, c'è sempre qualcosa che pensiamo debba migliorare. Io sono molto autocritica con me stessa per cui penso che nel mio caso un po' di sana incoscienza non abbia fatto male!

6) Quali sono le difficoltà maggiori che riscontri in questa professione?
Le difficoltà principali sono la lontananza dalla propria casa e dai propri affetti e conseguentemente l'impossibilità di curare personalmente i propri rapporti familiari, sentimentali e di amicizia. Ma sono convinta di una cosa: chi ti ama ti capisce e la sua presenza si avverta anche da lontano annullando ogni distanza; in questo sono molto fortunata, ho una famiglia meravigliosa che sin da quando ho iniziato questo percorso non mi ha mai fatto mancare affetto e sostegno.

7) Per contro, cosa ami di questo lavoro?
Essere sul palco è già una soddisfazione enorme e realizzante, l'applauso del pubblico ti ripaga di ogni fatica perché sai che sei riuscita a trasmetter tutte le tue emozioni. Il pubblico è il nostro giudice e il carburante!

8) Si lavora meglio in Italia o all'estero?
Per quanto mi riguarda posso dire di essermi sempre trovata molto bene sia in Italia che all'estero. Non ho riscontrato particolari differenze perché secondo me non è tanto importante il luogo dove lavori quanto le persone con cui lavori. Fin'ora ho sempre incontrato bravi colleghi, direttori, registi, staff di ogni teatro, con i quali ho potuto creare un'ottimo rapporto per collaborare al meglio alla realizzazione di ogni spettacolo.

9) Cosa consigli agli altri giovani che pensano di intraprendere questa professione?
Il mio consiglio èquello di crederci fortemente e non lasciarsi mai abbattere perché prima o poi arriva l'occasione giusta che ti porta ad iniziare la carriera.

10) Quanto tempo dedichi allo studio?
In generale dedico molto tempo allo studio. Questo non significa cantare in voce per ore ma anche pensare, riflettere, approfondire la conoscenza di uno spartito,leggere il libretto, la novella a cui si ispira, documentarsi sull'idea che il compositore aveva quando ha scritto l'opera, il contesto storico, cercare insomma la maggior parte di informazioni possibili per addentrarsi nel personaggio in modo da poterlo interpretare in maniera più scrupolosa e personale possibile.
Riguardo le ore di studio vocale, noi siamo atleti e come tutti i muscoli anche le corde vocali vanno allenate, per cui cerco di fare vocalizzi ogni giorno.
Quando preparo un ruolo o lo riprendo dopo tanto tempo come si dice il ruolo va “ messo in gola” con precisione, nota per nota in ogni passaggio per trovare la modalità più confortevole per affrontare ogni passaggio.
Non saprei quantificare esattamente, dipende…
Sappiamo però che la voce ha anche bisogno di riposo e dopo periodi di grande lavoro vocale è importantissimo anche il riposo e il silenzio.
I grandi interpreti del passato attendevano mesi prima di passare da un ruolo all'altro e questo era molto buono per la voce…Bisognerebbe fare tesoro di questi esempi anche se al giorno d'oggi i ritmi di lavoro spesso purtroppo non lo permettono. Insomma bisogna prendersi cura dell propria voce……..

11) Quanto stai imparando facendo la professione "sul campo"?
Certo, l'esperienza sul campo è sempre la strada migliore per migliorarsi di volta in volta e per trovare sempre accorgimenti nuovi. Il palcoscenico è una vera e propria palestra. E' bellissimo vedere come all'interno di una produzione il ruolo maturi ed evolva dalla prima prova sino all'ultima; il personaggio che interpreti cresce dentro di te ogni giorno, sia dal punto di vista vocale che interpretativo, e diventa sempre più tuo. Questo è possibile anche grazie al lavoro dei direttori d'orchestra e dei registi che incontri di volta in volta. Tornando ai problemi tecnici, sai, non si smette mai i di cercare, è una ricerca continua che si fa su sé stessi. E' così personale e speciale la voce, fa parte integrante di ciascuno di noi e, come sappiamo, non cantiamo solo con le corde vocali ma con tutto il corpo, con la testa e con il cuore! Il nostro corpo con il tempo cambia, si evolve e così anche la nostra voce. Ecco perché non si finisce mai di scoprire e di stupirsi! E' un lavoro quotidiano. Inoltre la regia può essere molto d'aiuto per risolvere alcuni problemi in scena, noi siamo attori, siamo interpreti e un buon allestimento scenico e registico possono essere di supporto per agevolare e permettere un canto migliore.

12) Hai mai pensato di voler cambiare lavoro?
Sinceramente no perché è il lavoro che ho sempre sognato di fare sin da piccola; certo a volte capita di attraversare qualche momento difficile e di sconforto che ti portano a chiederti se ne vale veramente la pena ma la risposta è sempre “si”! Ne ho la conferma ogni volta che sono sul palco. Altrimenti non avrebbero senso tutti i sacrifici fatti finora! Che gioia poter calcare il palcoscenico e cantare in teatro! Cantare mi piace immensamente e, nonostante le difficoltà mi ritengo molto fortunata di aver potuto fare della mia passione il mio meraviglioso lavoro!

13) Dove dobbiamo venire ad ascoltarti nel prossimo futuro?
Subito dopo il Barbiere di Verona sarò Hansel in Hansel und Gretel al Teatro Regio di Torino, successivamente Emilia nell'Otello di Rossini al Teatro alla Scala di Milano, Suzuky in Madama Butterfly all'Opéra National di Parigi, Ascanio in Benvenuto Cellini al Liceu di Barcellona, Barbiere di Siviglia al Abao di Bilbao.…

14) Qual è un tuo difetto?
Sono testarda!

15) Qual è un tuo pregio?
Trovare sempre ciò che di bello e positivo c'è in ogni persona che incontro!

Confermo questo pregio che hai detto e direi anche il tuo sorriso, perchè... è contagioso!
Grazie mille e l'augurio di ogni bene!

 

 
 
Archivio Documenti di musica e opera lirica - Recensioni - Interviste - Medicina - Articoli - Novità
Archivio Interviste a Cantanti Lirici e Direttori d'Orchestra
curiosita

Dite la vostra...



 

Esprimi un giudizio sul documento e visualizza i risultati

 
                            

Codice di sicurezza (Aiuto Aiuto):

Scrivi nella casella i caratteri che vedi nell'immagine.

Codice di sicurezza          

 
 
Cookie | Privacy Policy | Copyright 2006 © | Powered by Andrea Ferretti | 12/17/17 07:14
Liricamente.it utilizza cookie, anche di terze parti. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie    Leggi tutto Ok